DigiLab! Un luogo in cui confrontarsi, dialogare e approfondire il mondo digitale

di

Oggi analizzeremo più nel dettaglio la dipendenza da internet e le sue caratteristiche.

La dipendenza da internet viene definita come internet addiction disorder (IAT) e rientra tra le Nuove Dipendenze o New Addiction. Già nel 1195 Griffiths che affermava la dipendenza tecnologica è una dipendenza non chimica (comportamentale) che coinvolge l’interazione uomo-macchina.

Questo tipo di dipendenza presenta alcune caratteristiche come le altre dipendenze comportamentali: salienza (la tecnologia diventa l’attività cruciale nella vita della persona e ne domina il pensiero, i sentimenti e i comportamenti), modificazione dell’umore, tolleranza, astinenza (effetti fisici o sensazioni spiacevoli nel momento in cui internet viene improvvisamente interrotto o diminuito), conflitto (derivato dalla grande quantità di tempo trascorso online) e ricaduta.

A livello globale, gli utenti che utilizzano internet nell’aprile 2024 erano 5,18 miliardi di persone, trascorrendo online in media 6 ore e 43 minuti al giorno. Gli utenti social invece sono circa 4,8 miliardi di persone, con una media di 2 ore e 25 minuti ogni giorno[1].

La situazione in Italia è ben diversa. Considerando i dati di Save The Children dell’atlante dell’infanzia (a rischio) 2023 dal nome tempi digitali, notiamo come tra gli adolescenti (fascia 11-19 anni) cresce il tempo trascorso online, arrivando a trascorrere 5 ore al giorno connessi.

Gli effetti avversi di internet

Internet ha numerosi benefici ma vari studi hanno delineato quelli che sono gli effetti avversi. Infatti, la dipendenza da internet è stata associata a una scarsa qualità del sonno, compromissione dell’apprendimento e dell’acquisizione delle conoscenze, e declino cognitivo precoce. Hanno riscontrato anche effetti fisici avversi, come secchezza oculare, dolore muscoloscheletrico, ipertensione, corporee e indebolimento del sistema immunitario. Queste condizioni sono legate sia a una diminuzione del benessere psicologico che a una ridotta soddisfazione della vita.

DigiLab: confrontarsi, dialogare e approfondire il mondo digitale

Pertanto, è fondamentale adottare misure per prevenire o trattare questo comportamento di dipendenza. Proprio per questo, abbiamo pensato al DigiLab! Sarà un luogo in cui i ragazzi potranno confrontarsi, dialogare e approfondire il mondo digitale, non soltanto per una maggiore conoscenza ma anche per orientarli nelle varie professioni digitali

Ma andiamo a vedere più nel dettaglio quelle che saranno le attività:

  •  #EDU.LAB educazione all’utilizzo corretto delle tecnologie;
  • #DIGITALITERACY laboratori formativi e informativi sull’impiego della tecnologia;
  • #PSICOLOGY&FRIENDS sportelli psicologici sia per i ragazzi che per i genitori;

 

[1] Eichenberg, C., Schneider, R. & Rumpl, H. Social media addiction: associations with attachment style, mental distress, and personality. BMC Psychiatry 24, 278 (2024).

Regioni

Ti potrebbe interessare

Progettazione partecipata

di

Una delle innovazioni all’interno del progetto HOBNOB è l’attività di progettazione partecipata, un’azione che mira a coinvolgere attivamente i giovani, i principali beneficiari,...

EticLab: Laboratori di Etica e Responsabilità Sociale con HOBNOB

di

Ciò che è riuscito a creare HOBNOB, Opportunità per socializzare, aggregare, formare la nuova comunità educante, progetto selezionato da Con i Bambini...

DigiLab: il potenziale delle tecnologie digitali al servizio di HOBNOB

di

Nel contesto contemporaneo, la rapida evoluzione delle tecnologie digitali ha rivoluzionato ogni aspetto della nostra vita quotidiana, offrendo strumenti innovativi per la...