Una storia tira l’altra…

di

Questa è la storia di un’idea nata per caso qualche mese fa, quando le restrizioni anti covid erano più stringenti rispetto ad oggi, e impedivano incontri e relazioni. È la storia di un’idea che ha saputo evolversi, crescere, passare di mano in mano e trasformarsi, arrivando più lontano di quanto previsto.

Per fare compagnia a chi stava vivendo un momento di difficoltà in ospedale, nel periodo di Pasqua avevamo pensato di realizzare qualche video in cui i ragazzi e le ragazze che frequentano lo Spazio Giovani Al Kalè avrebbero letto alcune storie tratte da “Favole al telefono” di Gianni Rodari.

Questa attività, inizialmente pensata nell’ambito del progetto HERO, si è poi ampliata ed ha coinvolto i ragazzi della scuola media Dante Alighieri di Quarrata che svolgono il servizio civile scolastico del progetto WelComE. Questi, insieme a insegnanti ed educatori, hanno portato la lettura delle favole dentro alcune RSA della zona attraverso collegamenti via Meet (ne abbiamo parlato anche su Huffington Post!).

L’incontro con i nonni si è strutturato dunque nell’ambito del progetto WelComE, ed è diventato un appuntamento fisso di scambio intergenerazionale tra giovani e “giovani da più tempo”, come diciamo noi. Non solo letture, ma anche racconti di vita vissuta, momenti musicali, convivialità.

“Una storia tira l’altra”, è proprio vero! Il nome dell’attività non poteva essere più azzeccato, perché nel corso della sua realizzazione è successo proprio così. L’idea ha preso vita nel giardino dello Spazio Giovani, poi è andata oltre raggiungendo una scuola, nuove persone, altri studenti, fino ad arrivare dove sappiamo, dai nonni ospiti delle RSA.

Un’idea che passa di mano in mano, che si evolve e crea nuova linfa intrecciando capacità, strumenti, ed esperienze diverse è il tipo di idea che andiamo cercando, perché siamo convinti che sia questa la chiave per costruire relazioni capaci di vivere oltre i progetti e le scadenze, di agire a livello di sistema e generare altre idee, coinvolgendo sempre più persone e nuove forze. Sono queste, secondo noi, le relazioni capaci di costruire comunità.

Vi presentiamo dunque i video dei ragazzi dello Spazio Giovani che hanno letto per voi 4 favole al telefono:

Alice cascherina – letta da Orlando, Andrea, Iacopo e Ilaria

Il cacciatore sfortunato – letta da Giulio, Filippo, Qasim e Davide

Il paese con l’esse davanti – letta da Sara, Marco e Benedetta

Il paese senza punta – letta da Sara, Tommaso, Erica e Benedetta

Il primo video è la favola di “Alice cascherina” con un’illustrazione realizzata da Diana.

Buona visione! E chissà che quest’idea non ci riservi altre sorprese! 😉

 

 

Il cacciatore sfortunato – letta da Giulio, Filippo, Qasim e Davide con un’illustrazione realizzata da Iacopo.

 

Il paese con l’esse davanti – letta da Sara, Marco e Benedetta con un’illustrazione realizzata da Davide.

 

Il paese senza punta – letta da Sara, Tommaso, Erica e Benedetta con un’illustrazione realizzata da Francesca.

Regioni

Ti potrebbe interessare

È tornato il Doposcuola nella piccola frazione di Fognano

di

Nella piccola frazione di Fognano è tornato il Doposcuola, l’attività di studio, incontro e gioco realizzata da Pro Loco Fognano nell’ambito del...

Torna il Fab Lab allo Spazio Giovani!

di

Dopo la lunga pausa imposta dal lockdown e dall’interruzione estiva delle attività, finalmente torna in azione il Fab Lab dello Spazio Giovani. Ogni martedì...

LEGO challenge – Aiutaci a raccogliere i mattoncini per il Fab Lab!

di

Al via la prima Lego challenge per promuovere il riuso e la sostenibilità! Aiutaci anche tu a raccogliere 1000 pezzi LEGO entro il...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK