Ascoltare per crescere

di

ASCOLTARE è un’arte, oggi più che mai è elemento indispensabile della relazione in presenza o a distanza che sia. ASCOLTARE ed ASCOLTARSI, ecco la sfida di questi giorni…giorni complicati, incerti, instabili…. durante i quali guardarsi, al di là di una mascherina, a volte vuol dire anche parlarsi, vuol dire fermarsi e dedicare attenzione all’altro, vuol dire prendere fiato e provare a cogliere sfumature di pensieri ed emozioni, che tutti noi, più o meno consapevolmente, ci portiamo addosso.

Tante azioni del progetto G.O.A.L.S. sono fondate sull’ascolto, un ascolto attivo e partecipato, rivolto ai più giovani, ma anche ai loro genitori ed insegnanti.

Ecco qualche esempio che interessa il territorio maceratese e coinvolge Istituti scolastici e spazi pubblici cittadini.

 

JOB

Con il Comune di Macerata ha preso avvio presso la biblioteca comunale Mozzi – Borgetti, un percorso di orientamento ed accompagnamento alla ricerca attiva del percorso di studi e del lavoro più idonei, dedicato a giovani italiani e stranieri tra i 16 e i 17 anni e caratterizzato da incontri in presenza o a distanza individuali e per piccoli gruppi. Gli incontri, tenuti dai professionisti della Cooperativa IL FARO (ente capofila del progetto) Monia Sabbatini (counsellor aziendale), Roberto Beccacece (assistente sociale) e Chiara Peppoloni (psicologa), sono volti ad una presa di coscienza e valorizzazione dei talenti individuali dei giovani partecipanti, al fine di scegliere percorsi formativi ed esperienze professionali utili ad un proficuo futuro inserimento di questi nel mondo del lavoro. Tutto parte dall’ascolto dei ragazzi, dei loro interessi, delle loro attitudini, dei sogni, le aspettative, le paure e le difficoltà.  Dal confronto tra pari e con i consulenti si costruiscono percorsi di crescita e sistemi di azioni da realizzare. Ascoltarsi facilita questi processi e li rende più autentici, comprendersi veicola concrete opportunità di inserimento socio-lavorativo.

COACHING

L’Istituto Scolastico San Giuseppe ha promosso una interessante serie di incontri dedicati a genitori ed insegnanti, tenuti dalla dott. ssa Roberta Cesaroni (psicologa e coach), centrati sull’importante ruolo educativo che entrambi assumono giornalmente nei confronti dei bambini e dei ragazzi. Anche in questo caso l’ascolto è il punto di partenza: “ascoltarsi” genitore ed insegnante per poter “meglio ascoltare” e soprattutto comprendere i più giovani. Dedicarsi tempo, concedersi reciprocamente attenzioni… in un momento particolare, dove diventa difficile abbracciarsi e quasi sconveniente anche solo sfiorarsi. Riflettere sulla nostra disabitudine all’ascolto e alla parola, sulla reticenza all’espressione di sé, con le personali fragilità, ma anche importanti potenzialità, sono alcuni degli argomenti trattati durante gli incontri con l’esperta, che sapientemente guida i partecipanti verso positivi percorsi di crescita personale e familiare.

SPORTELLO D’ASCOLTO

Attivo e decisamente molto partecipato è a Macerata lo sportello di ascolto, che grazie al progetto G.O.A.L.S. è presente di fatto in più sedi: presso il Liceo Classico e Linguistico “Giacomo Leopardi”, presso il Centro di aiuto allo studio “Orizzonte”, on line su prenotazione e da novembre anche all’IC “Dante Alighieri”. La psicologa Federica Rossi accoglie alunni tra gli 11 e i 17 anni, genitori ed insegnanti, attraverso incontri riservati, richiesti spontaneamente. Qui ascoltare significa favorire la relazione, mettere a proprio agio, consentire a chi lo desidera di dedicarsi un tempo ed uno spazio per riflettere e confrontarsi, prendere coscienza di un disagio o semplicemente di una temporanea difficoltà.

dav

Sono solo alcuni esempi, uno spaccato di umanità, un punto luce su uno dei capisaldi del lungimirante progetto G.O.A.L.S., l’ASCOLTO che vuol dire accoglienza ed accettazione, ma anche sostegno, cura e invito alla riflessione e al positivo cambiamento. In questa seconda fase di riduzione delle attività in presenza e progressivo nuovo isolamento, l’invito è quello di “rimanere in ascolto”, di prestare attenzione alle parole, di cogliere i suoni della vita, che con i suoi mille toni ed infinite melodie ci rende unici e straordinariamente complessi.

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

La normalità è la nostra nuova rarità: noi ci proviamo!

di

Siamo ormai entrati nella fase 3 dell’emergenza sanitaria causata dal COVID-19. Ora che i contagi iniziano a stabilizzarsi in un trend discendente...

La comunità educante: dalla strada ai luoghi di aggregazione territoriale

di

A partire dal mese di Marzo 2019 la Cooperativa Sociale Il Faro ha strutturato, in stretta sinergia con le assistenti sociali dei...

Potere alle parole!

di

La Cooperativa Sociale IL FARO di Macerata (ente capofila del progetto G.O.A.L.S.), prosegue in modo capillare con le attività di supporto psicologico...