VIVERE SENZA ANSIA…SI PUO’?

di

La programmazione delle azioni del progetto G.O.A.L.S., all’interno degli istituti scolastici partner, prosegue a gonfie vele. Nel mese di dicembre la Cooperativa IL FARO di Macerata, ente capofila, ha strutturato un percorso di coaching II in aula per 15 classi del Liceo Statale Annibal Caro di Fermo sulle tematiche legate alla gestione dell’ansia, e delle emozioni più in generale, a cura dai nostri collaboratori il dott. Marco Splendiani e la dott.ssa Francesca Brugnolini.

L’équipe della Cooperativa Sociale Il Faro svolgerà 2 incontri in ogni classe per capire e riflettere insieme ai nostri adolescenti quali sono le loro preoccupazioni più frequenti; se queste sono legate alle prestazioni scolastiche presenti e future, alle prestazioni sportive o alle relazioni sociali con i pari o con altri adulti di riferimento.

Spesso i giovani s’impongono alti standard nel raggiungimento dei loro risultati e sono eccessivamente critici nei propri confronti nel caso in cui questi non siano raggiunti. A volte i ragazzi non sono nemmeno disposti a provare nuove attività se non possiedono la certezza di esserne all’altezza o ancora sono portati ad abbandonarle in corso d’opera se ritengono che le loro prestazioni non siano adeguate. Le loro preoccupazioni si associano molte volte alla tendenza al perfezionismo e a una stretta aderenza alle regole, e ricercano costantemente rassicurazioni e si preoccupano in maniera eccessiva per le loro capacità e per questo sono alla continua ricerca di approvazione. Per questo presentano anche difficoltà nel prendere delle decisioni e tendono a rimandare costantemente.

Il nostro intento è quello di lavorare su queste vulnerabilità che l’ansia crea nella vita dei nostri adolescenti. Dare un nome a tutto quello che provano li tranquillizza. E’ importante che comprendano che quello che sentono non è pericoloso e, nonostante sia qualcosa di eccessivamente fastidioso, ha una durata limitata nel tempo.

Per accompagnarli in maniera sempre più rispondente alle loro richieste, abbiamo strutturato a partire dal mese di gennaio, dei gruppi di parola presso il Ricreatorio San Carlo, altro partner del progetto G.O.A.L.S.,. Durante questi incontri, i giovani potranno sperimentarsi e confrontarsi con la mediazione di un nostro professionista che li guiderà. Questa attività nasce proprio come riscontro al bisogno emerso dai ragazzi: sentirsi accolti in un ambiente per loro privo di giudizi e aver la possibilità di parlare liberamente delle difficoltà che affrontano quotidianamente.

Con questo auspicio ci accingiamo ad vedere per la seconda volta i ragazzi, a raccogliere le loro richieste, a rispondere alle loro domande, ad ascoltarli affinchè si sentano liberi di condividere con noi un pezzo della loro storia. Vorremmo che i ragazzi che abbiamo incontrato e incontreremo possano riflettere sul fatto che

non si conosce una via infallibile per il successo, ma una per l’insuccesso sicuro si: voler accontentare tutti” (cit. Platone).

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

Metodi… in attesa degli esami di idoneità!

di

Anche quest’anno i ragazzi della scuola Chesterton dovranno affrontare gli esami di idoneità alla classe successiva. Qualcuno ha già iniziato in questi...

Nell’azione “Educazione & Sport” scopriamo Gino Bartali: un diavolo di campione, un angelo di uomo.

di

All’Istituto Scolastico Comprensivo “Nardi” di Porto San Giorgio e nella scuola secondaria di I grado “A. Caro” di Civitanova Marche, i ragazzi...

Sii un arcobaleno nella nuvola di qualcun altro: la nostra festa dell’accoglienza

di

Accogliere non è semplice, non c’è un corso che insegna come e cosa fare. L’accoglienza è un’apertura: ciò che così viene raccolto o ricevuto...