Verso le attività autunnali, ma con nuova consapevolezza: la sfida di Itaca, a Marghera

di

Far sentire i ragazzi più sicuri. Far trovare loro nuovi approdi, dopo l’uscita forzata dalla comfort zone. Ma anche provare nuove emozioni e arricchire il proprio bagaglio di esperienze. È questa la sfida che hanno davanti gli operatori e le operatrici della Cooperativa sociale Itaca, che durante l’estate hanno avuto modo di conoscere ancora meglio le ragazze e i ragazzi di Marghera che aderiscono al progetto Futuro Prossimo.

Le attività estive sono state tante. Ci sono stati laboratori artistici, esercizi e giochi teatrali, laboratori sportivi, uscite culturali e di conoscenza sia del territorio che delle proposte più divertenti. Un modo per evadere dalla quotidianità cittadina, scoprire paesaggi nuovi e mettersi in gioco in nuove attività. Ma anche un test per conoscere meglio le ragazze e i ragazzi. Per capire cosa è cambiato nel loro modo di affrontare la socialità e le relazioni, a un anno e mezzo dalla pandemia.

Cosa è emerso? Le ripercussioni sono più evidenti in alcuni aspetti, in primis la difficoltà ad uscire dalla propria zona di comfort: gli operatori e le operatrici hanno notato che i ragazzi e le ragazze sono diventati tendenzialmente più pigri, scelgono le attività solo se altamente gratificanti o motivanti, evitano di mettersi in gioco su cose nuove.

Che fare, dunque? L’obiettivo, ora, è accompagnarli, con la programmazione delle attività autunno/inverno, verso una nuova dimensione in cui ritrovino sicurezza e stimoli.  Assecondarli nella voglia di giocare che ancora prevale, ma anche spingerli con laboratori mirati, ad allenare di nuovo le abilità che sono state messe a dura prova dalla pandemia: stare nelle regole, socializzare, usare in modo responsabile e positivo le tecnologie digitali.

Una sfida impegnativa per gli operatori e le operatrici della Cooperativa Itaca, a cui non hanno certo intenzione di sottrarsi!

Articolo a cura di Marilisa Chiumento operatrice della Cooperativa sociale Itaca, partner territoriale di Futuro Prossimo a Venezia

Regioni

Ti potrebbe interessare

BES E DSA, un ciclo di incontri per rispondere ai bisogni dei territori

di

Promuovere l’inclusione scolastica e la partecipazione attiva di studenti con Bisogni Educativi Speciali (BES) attraverso percorsi di formazione rivolti alla comunità educante:...

La “bella” scuola: i ragazzi di Futuro Prossimo Marghera diventano writers

di

“Be good, get better”. È il coloratissimo messaggio pieno di voglia di positività e di miglioramento comparso sul muro esterno dell’Istituto Luzzatti...

Fare comunità anche in tempo di quarantena: l’esempio di Futuro Prossimo Venezia

di

Ascoltando il territorio, lavorando dentro e con esso, senza lasciare nessuno sguardo in sospeso, cosa significa fare comunità educante? Da circa un...