23 aprile: una giornata per leggere tutti

di

Foto di Valentina Spanu per Save the Children

“C’è una parola nuova che forse hai sentito. Ti potrebbe capitare di udire la gente che ne parla o sentirla nominare al notiziario. Questa parola è la ragione per cui non stai andando a scuola. È la ragione per cui non puoi uscire quasi mai, né andare a trovare i tuoi amici. Potrebbe essere la ragione per cui l’adulto o gli adulti che si occupano di te sono a casa. Ma che cos’è, e perché tutti ne parlano? La parola è Coronavirus!”

Così inizia Coronavirus. Un libro per bambini illustrato da Axel Scheffler, tradotto in Italia da Emme Edizioni e che ora si può leggere e scaricare gratuitamente.

Questo libro può essere considerato il simbolo della situazione molto complicata che stiamo tutti vivendo e che riguarda molto anche le bambine e i bambini. Anche loro, infatti, come gli adulti, possono risentire dell’ansia e dello stress legati all’emergenza sanitaria da Covid-19. Per aiutarli a esprimere le loro emozioni, e a capire quello che sta succedendo senza spaventarli, c’è un rimedio antico e sempre attuale: leggergli una storia, farli leggere e disegnare, lasciare che con la loro fantasia coltivino una prospettiva di speranza, con positività e “buona attesa”. Il libro e la lettura rappresentano un mezzo indispensabile di approfondimento e di conoscenza di noi stessi, degli altri e del mondo, e soprattutto nei periodi di incertezze e precarietà ci aiutano a guardare avanti fiduciosi.

La Giornata Mondiale del libro e del diritto d’autore, che si celebra ogni anno in tutto il mondo il 23 aprile, è nata proprio per valorizzare l’importanza della lettura come elemento di creatività e crescita personale e collettiva.

L’idea di celebrare questa giornata, com’è noto, è nata in Catalogna più di 400 anni fa. Fu scelto il 23 aprile perché è il giorno in cui morirono nel 1616 due scrittori considerati i pilastri della cultura universale: Miguel de Cervantes e William Shakespeare. Don Chisciotte, Amleto, Otello, Re Lear, sono tutti personaggi che prendono forma dal genio di questi due scrittori e che, da allora, ci sono familiari.

La tradizione catalana vuole che proprio nello stesso giorno, in cui si celebra San Giorgio, ogni uomo doni una rosa alla sua donna. Così ancora oggi i librai della Catalogna usano regalare una rosa per ogni libro venduto il 23 aprile. E a Barcellona la tradizionale passeggiata per le Ramblas che invade di banchetti pieni di libri e di rose era uno degli eventi più suggestivi dell’anno. Quest’anno mancherà naturalmente questo aspetto della festa in città, e il dono della rosa sarà virtuale e avrà un particolare significato di solidarietà verso chi sta soffrendo. [1]

Anche in Italia, in occasione del 23 aprile, molte sono le occasioni per festeggiare il libro e la lettura, anche “restando a casa”. Da segnalare l’iniziativa della Fondazione De Sanctis che, in collaborazione con il Centro per il libro e la lettura, organizza la sua prima maratona letteraria in streaming. Grazie a una piattaforma creata appositamente per l’occasione e alla partecipazione di grandi autori e attori, la Giornata Mondiale del Libro verrà così festeggiata in tutte le case, raggiungendo la durata eccezionale di sette ore per un evento che unirà la comunità di grandi e piccoli lettori. Buon ascolto e buona lettura a tutti!

Articolo a cura di Maurizio Caminito, presidente del Forum del Libro

 

[1] Con “Rosa Solidaria St Jordi” è possibile regalare una rosa virtuale e collaborare con l’Ospedale Clínic de Barcelona nella lotta contro il Covid-19: https://bcnshop.barcelonaturisme.com/shopv3/it/product/27953/rosa-solidaria-st-jordi-2020.html

 

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK