Seconda giornata di formazione sul modello e gli strumenti ICF

di

La seconda giornata di formazione sul modello e gli strumenti ICF è stata molto partecipata: sono stati presenti 22 operatori in rappresentanza di 10 organizzazioni partner, tra cui anche il Comune di Siracusa e la ASP. La presenza di operatori sia di organizzazioni del privato sociale che degli istituti scolastici e degli enti pubblici che fanno parte della rete di partenariato, ha consentito – a partire dagli spunti teorici proposti da docente dottore Francesco Sciuto – lo sviluppo di un confronto operativo fruttuoso.

Si è partiti da una sintetica rivisitazione dei contenuti della prima giornata per passare all’approfondimento dello strumento necessario alla definizione del profilo funzionale da utilizzare secondo i criteri ICF.

Il Manuale ICF

Ai partecipanti è stato consegnato il Manuale ICF (uno per ciascuna organizzazione presente) che ha facilitato l’esercitazione di gruppo che ha occupato la seconda parte della giornata formativa.

Rispetto ai contenuti proposti dal docente è importante sottolineare il messaggio forte dato ai partecipanti sulla necessità di fare attenzione alla complessità del processo presupposto dal modello ICF, ad esempio distinguendo tra i processi e i prodotti del profilo di funzionamento. Il rischio di concentrare l’attenzione solo sui prodotti, limitandosi ad un elenco di codifiche, è alto. Per questo motivo è importante resettare il processo di utilizzo dello strumento ICF, puntando soprattutto sull’utilità di adottare una modalità descrittiva accanto al processo di codifica utilizzato. E in tal senso, il progetto “Facciamone di tutti i colori – Moltiplichiamo i luoghi dell’inclusione” può essere inteso come un Laboratorio di sperimentazione per il contesto territoriale, tenuto conto della presenza di partner pubblici e privati.

4 gruppi hanno lavorato simulando un lavoro d’equipe

L’esercitazione sulla compilazione del profilo funzionale ha visto la costituzione di 4 gruppi che hanno lavorato simulando un lavoro d’equipe su alcuni casi conosciuti dagli operatori; il risultato dell’esercitazione è stato molto soddisfacente ed ha consentito di chiarire gli aspetti su cui è più necessario concentrarsi ai fini dell’elaborazione del Progetto individuale.

 

 

 

 

 

 

 

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

Gruppo di coordinamento operativo della rete dei partner

di

Martedì 16 aprile 2024 alle ore 10.30 presso la sede del Polo siracusano della Libera Università degli Studi di Enna “Kore” Piazza...

Prima giornata di formazione Le basi scientifiche dell’approccio BIO PSICO SOCIALE

di

È stato avviato il primo percorso formativo, finalizzato alla condivisione di un linguaggio comune sul modello biopsicosociale, tra i diversi attori della rete.

Equipe dei Centri poliferici per l’inclusione

di

Attivazione di due Centri poliferici per l’inclusione (nei comuni di Siracusa e Floridia), sul modello organizzativo delle “poliferie educative”,