L’importanza del sostegno domiciliare alle mamme sole

di

A cosa serve e perché

Il supporto ai nuclei svantaggiati mamma-bambino passa anche per interventi domiciliari di sostegno, con cui operatrici specializzate con esperienza pluriennale sul campo, affiancano ciascuna mamma all’interno della sua casa, nella sua quotidianità. L’obiettivo è valorizzare e sostenere le sue competenze materne, prendendosi cura di lei in modo regolare e continuativo, affinché possa assicurare essa stessa al suo bambino la stabilità e le attenzioni di cui ha bisogno per crescere. In questo modo, è possibile contenere – se non persino scongiurare – situazioni di abbandono che sfociano nella necessità di accedere ai servizi di accoglienza presso case famiglia che, per quanto ospitali e ben organizzate, sono comunque un ambiente altro rispetto a quello di provenienza.

Le operatrici svolgono anche un importante ruolo per facilitare l’accesso delle mamme alle informazioni relative ai diritti e alle opportunità che sono loro offerte, ai servizi sociali, sanitari ed educativi del territorio, attivando così un’efficace rete di supporto sociale.

Un sostegno speciale: allattamento e attaccamento

Nel 1° anno di vita, un’attenzione particolare è riservata al sostegno all’allattamento, che è riconosciuto dall’OMS come garanzia di benessere e salute per il bambino, ed efficace mezzo di contrasto della povertà infantile. Successivamente, in base alle caratteristiche e alle esigenze dei nuclei, questo percorso potrà essere integrato con il programma di intervento VIPP-SD (Evidence-Based Video-feedback Intervention to Promote Positive Parenting and Sensitive Discipline. Juffer et al., 2008), mirato a favorire lo sviluppo di una buona relazione di attaccamento.

La LUMSA, Università partner del nostro progetto, sta conducendo una ricerca tesa ad approfondire l’utilizzo della procedura VIPP-SD con lo scopo particolare di promuovere una relazione di attaccamento sicuro e, di conseguenza, prevenire l’eventuale successivo sviluppo di problematiche emotivo-comportamentali nel bambino. Infatti, le madri coinvolte in questo programma sviluppano una maggiore sensibilità, migliorando la loro capacità di cogliere e rispondere in modo tempestivo e adeguato ai segnali del bambino, e adottando strategie disciplinari adeguate, con cui contengono e danno regole al bambino in sintonia con i suoi bisogni e la sua età.

Spazi di aggregazione per il mutuo-auto aiuto

La maturazione delle competenze materne passa anche attraverso il confronto con altre mamme che vivono situazioni simili, con mamme “solidali” disponibili a mettersi in gioco a fianco alle mamme più vulnerabili e con psicologi. Abbiamo attivato, quindi, presso la sede de Il Melograno – partner del progetto, che coordina queste azioni – uno spazio di aggregazione per approfondire tematiche legate alle responsabilità familiari e alla crescita dei figli, in cui sono sollecitate, oltre alle competenze genitoriali, quelle sociali e di comunicazione di ogni partecipante, stimolando così la costruzione di una rete di sostegno tra pari e il senso di comunità.

Regioni

Ti potrebbe interessare

A luglio, formazione gratuita per mamme. Arriva il Laboratorio di Capacitazione.

di

Nell’ambito delle attività promosse dall’Agenzia per l’Autonomia, parte a luglio il primo Laboratorio di Capacitazione “Mamma in carriera. Come affrontare un colloquio?”,...

La solidarietà verso i nuclei Mamma-Bambino/Formazione online 7, 14, 28 novembre

di

Formazione a distanza “SOLIDARIETÀ VERSO I NUCLEI MAMMA-BAMBINO“ 7, 14 e 28 novembre 09.30 – 12.30 Per le famiglie interessate alla solidarietà...

Seminario “Quattro chiacchiere sull’affido e sulla solidarietà familiare”

di

9 novembre  10.00 – 12.00 Via Prenestina, 468 – Roma Sai cos’è l’affido e in che modo si può sostenere una famiglia in...