Community School: il progetto per contrastare la povertà educativa minorile nel biellese

di

Il mese di luglio vedrà la conclusione del progetto Community School e per l’occasione ne ripercorriamo la nascita, le finalità e gli appuntamenti, offrendo una panoramica che si arricchirà nelle prossime settimane con una proposta sui social media di lezioni e interviste realizzate nel contesto e attorno ai temi cardine dell’iniziativa.

Sviluppare una strategia socio-educativa unitaria per rispondere con azioni coerenti alle trasformazioni sul piano sociale, economico e produttivo avvenute nel Biellese: è questo uno degli obiettivi cardine su cui si è impegnata la rete di partenariato – che include 47 soggetti – di Community School, progetto selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile e che vede come soggetto responsabile la Cooperativa Sociale Tantintenti.

L’iniziativa ha preso forma a partire dalla scarsa consapevolezza di un necessario cambiamento nella traiettoria scuola/lavoro/società, che rende attualmente evidenti le condizioni di povertà educativa, richiedendo un aggiornamento delle metodologie fino ad ora adottate. I promotori dell’iniziativa hanno creato, nel tempo, un mosaico di conoscenze a disposizione di bambini e ragazzi del biellese, tra i 5 e i 14 anni, dalle soglie della scuola primaria al momento della scelta della scuola superiore. “La nuova visione prevede l’adozione di un patto educativo, garantirà una pianificazione di medio-lungo termine («Chi sarò tra 10 anni»), sostenibile oltre l’arco temporale coperto dal bando, stimolerà la comunità educante, che lo sottoscriverà e lo riconoscerà, ad applicarlo in modo capillare e con efficacia nei diversi territori”.

La strutturazione
Sono nove le azioni che compongono il sistema di interventi del progetto “Community School: per una connessione generativa”. Due di queste hanno come obiettivo la creazione di uno strumento permanente, complementare a quanto già presente e adottato sul territorio biellese, che agisca come una ‘cassetta degli attrezzi’ idonea ad affrontare e risolvere problemi complessi rispetto agli obiettivi di medio e lungo termine. Per garantire l’efficacia di questo strumento si è lavorato per individuare, definire, condividere e sperimentare un modello educativo territoriale che possa essere applicato sia dai partner di progetto sia dagli stakeholders di riferimento, e che sia in grado di generare effetti sui destinatari diretti e indiretti. Il primo passo ha visto lo svolgimento di cinque incontri in cui è stato coinvolto un gruppo ristretto di partner. L’obiettivo del gruppo di lavoro, in quest’ottica, è la condivisione e definizione di una sintesi metodologica composta da macro indirizzi e macro sistemi.
Il tavolo metodologico era composto dalle seguenti realtà: coordinamento Tavolo di Eleonora Celano (progettista e coordinatore attuativo Community School); Tantintenti (capofila di progetto) con Roberta Bacchi, Eleonora Buratti e Alberto Torchio; Cittadellarte (partner di progetto) con Annalisa Perino; ABC (partner di progetto) con Gabriele Fracassi e Katia Ramella; Fondazione Cassa di Risparmio di Biella con Marta Maglioli.

Il target
Con il progetto Community School, come accennato, si è lavorato per far emergere la consapevolezza di un territorio nell’essere una comunità educante e per contrastare e rimuovere le condizioni di povertà educativa nei minori. Il metodo è teso a essere utile a chi lo deve applicare nel territorio di riferimento e, nello specifico, ai seguenti target: a chi ascolta le esigenze delle persone, in particolare dei minori (figure educative formali e informali, insegnanti, operatori della relazione e dell’aiuto, genitori, adulti); a chi fornisce risposte ai bisogni dei bambini e delle famiglie (enti locali, servizi sanitari e sociali, agenzie educative formali e informali); a chi ha responsabilità educative, pedagogiche e promuove azioni di inclusione. In sintesi, il metodo intende provocare la trasformazione attraverso lo “sguardo” sulle persone, accompagnare e condividere esperienze che possano essere di esempio e quindi replicabili, prendere coscienza delle “resistenze” e trasformarle attraverso la relazione, riconoscendo quindi i talenti e valorizzando la creatività.

Il contesto di riferimento
Come specificato dalle realtà impegnate nel progetto, le trasformazioni subite dal biellese sul piano sociale, economico e produttivo hanno portato ad avere oggi una situazione di povertà educativa. Fino a 30 anni fa le imprese del territorio e l’indotto generato offrivano posti di lavoro alla totalità delle popolazione. Molti bambini e ragazzi non andavano oltre il percorso educativo formativo obbligatorio. Oggi il quadro è completamente cambiato e, in parallelo, non è stata predisposta una strategia educativa e occupazionale per dare continuità territoriale. Alcuni esempi? Appare come un territorio disgregato (79 comuni e 3 Unioni Montane), abbandonato dalle nuove generazioni (calo nascite -1.351 e invecchiamento della popolazione 13,9% di età compresa tra 0 – 17 anni; contro i 28,4% di età superiore ai 65 anni), ha registrato un calo dell’occupazione superiore alla media nazionale (+ 10%), di cui il 38% riguarda la fascia di età 15 – 39, a conferma della perdita di connessione tra ambito educativo – formativo e tessuto produttivo, con forti ricadute in ambito sociale. Conta 178.551 abitanti, 13.025 di età compresa tra i 5 e i 14 anni. Si registra un aumento della popolazione straniera residente (9.910 di cui 6.457 nel biellese occidentale), di cui il 26% di età compresa tra i 5 e i 14 anni, con predominanza nel biellese occidentale, iscritti ai diversi plessi scolastici. Nelle aree montane del biellese occidentale nel 2017 sono stati registrati 745 interventi di servizi sociali, rivolti alla fascia 5 – 14 anni (266 nuclei famigliari e 320 persone), di cui 177 in Valle Elvo (23,75% dell’area occidentale) e 116 in Valle Cervo (15,57% dell’area occidentale), in aumento rispetto al 2015.

L’obiettivo del progetto
La base del progetto è avere una comunità educante che si attivi attraverso l’adozione di un patto educativo coerente e condiviso e nei diversi ambiti avvicinando un territorio disgregato. Gli attori coinvolti hanno lavorato a un “metodo” che possa essere riconosciuto, diffuso, praticato, rielaborato, in un circolo virtuoso, volto al miglioramento continuo. Un documento che sia aperto ad ulteriori contributi, alla condivisione, a modifiche e rielaborazioni, per essere ulteriormente arricchito dalla pratica e dall’esperienza e migliorato grazie alla sperimentazione e all’applicazione in contesti educativi differenti (formali e informali). “L’auspicio ed anche obiettivo di Community School è quello di poter verificare, attraverso il processo di Valutazione di Impatto, previsto nel biennio ’20-’22 – viene specificato nella presentazione del progetto -, un adeguato grado di diffusione ed applicazione sul territorio biellese, di uno strumento per la facilitazione dell’intervento pedagogico, orientato alla rimozione e mitigazione delle cause di povertà educativa minorile del territorio”.

 

Articolo scritto da Luca Deias per journal.cittadellarte

Regioni

Ti potrebbe interessare

Un weekend a scuola di autonomia, a Candelo nasce il Wecamp

di

Due giorni e una notte per avviare gradualmente i bambini all’indipendenza, scoprendo la libertà, nuovi amici e figure educative, lontani da mamma...

La scuola si sposta in azienda, al via il laboratorio con 6 imprese biellesi

di

Grandi e storiche imprese tessili, piccole e nuove eccellenze artigiane, ma anche un’azienda agricola e due marchi di un settore ormai consolidato...

Nel Biellese 2,1 milioni di euro per contrastare la povertà educativa minorile

di

Dieci milioni di euro per sedici progetti nell’intero Piemonte. Due milioni per tre progetti nel solo Biellese. Questo è il bilancio delle...