Sedici modi di dire ciao, spiegare ai ragazzi l’importanza delle api: l’hub di Eboli riparte dal rapporto uomo e ambiente

di

Le azioni intraprese per la tutela dell’ambiente passano anche dall’educazione. È questo che si propone di fare “Il duro lavoro delle api”: il lab organizzato dal cantiere di narrazione di Eboli (Campania) all’interno del progetto Sedici modi di dire ciao, l’iniziativa selezionata dall’impresa sociale “Con i Bambini”, nell’ambito del “Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile”, ideata e realizzata dall’Ente Autonomo Giffoni Experience.

Le tematiche ambientali sono al centro di ogni dibattito e stanno destando molta preoccupazione in tutto il mondo. Le azioni intraprese per la salvaguardia del Pianeta e delle sue biodiversità sono numerose e passano anche dall’informazione e sensibilizzazione. Parlare ai bambini e ai ragazzi di ambiente ed ecosistemi non è così difficile.

Le api sono insetti fondamentali per la nostra sopravvivenza – spiega Michele Senatore, di Farmcity che ha raccontato l’importanza di questi particolari insetti – dalla loro quotidiana attività di impollinazione dipende circa il 70% delle colture di interesse alimentare e quasi il 90% delle piante selvatiche. Senza di loro, quindi, il mondo sarebbe ben diverso. La sopravvivenza e il benessere delle api, tuttavia, sono sempre più in pericolo. Questo è strettamente correlato ai cambiamenti climatici, all’impoverimento degli habitat, all’abuso di agro farmaci e alla diffusione di malattie e parassiti. Parlare delle api e parlare di ambiente è quindi strettamente collegato. Far conoscere ai bambini questi aspetti è fondamentale, dare ai ragazzi gli strumenti per rispettare questi importanti impollinatori è cruciale per porre le basi di un futuro migliore. Spiegare l’importanza delle api ai bambini è un mezzo per raccontare loro una storia ben più complessa e importante”.

Leggi di più...

Il progetto è stato selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Il Fondo nasce da un’intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il Forum Nazionale del Terzo Settore e il Governo. Sostiene interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori. Per attuare i programmi del Fondo, a giugno 2016 è nata l’impresa sociale Con i Bambini, organizzazione senza scopo di lucro interamente partecipata dalla Fondazione CON IL SUD. www.conibambini.org 

Ti potrebbe interessare

Il diritto alla bellezza: con Sedici Modi di Dire Ciao si chiude a Eboli il terzo campus organizzato da Giffoni

di

L’evento, selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del “Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile” e interamente partecipato da Fondazione con il Sud,...

Ai Movie Days GLASSBOY e LA GUERRA DI CAM: con Sedici Modi di Dire Ciao cresce la voglia di cinema e condivisione

di

La magia dell’infanzia, la voglia di stupirsi e stare insieme, il valore del confronto: sono gli elementi che hanno contraddistinto la prima giornata...

Sedici Modi di Dire Ciao, oggi al Campus di Eboli spazio ai soggetti cinematografici. Al centro questione ambientale, lotta alla transomofobia e alle mafie

di

Giornata di grande attività nel corso del terzo campus che si sta svolgendo in questi giorni ad Eboli nell’ambito di Sedici Modi di Dire...