OUR FAVOURITE STORIES: parte dal cantiere creativo di Eboli il lab dedicato alla scrittura creativa

di

Scrivere è liberare visioni, creare. Scrivere è espressione, idea che diventa certezza. Immagini che si lasciano definire da parole e concetti capaci di farti viaggiare restando fermi. Scrivere è OUR FAVOURITE STORIES: il lab di Sedici modi di dire ciao, progetto selezionato dall’impresa sociale “Con i Bambini”, nell’ambito del “Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile”, ideato e realizzato dall’Ente Autonomo Giffoni Experience.

Leggi di più...

Ieri il primo appuntamento dei dieci previsti nei prossimi mesi. Al centro del laboratorio, la creatività e la libertà: come fossero i capitoli di un libro da comporre, i ragazzi si troveranno alle prese con i differenti generi letterari e con le fasi che precedono la realizzazione di un libro, dall’idea alla concretizzazione. Insieme comporranno la story spine, definiranno i personaggi e approfondiranno l’importanza dei dialoghi all’interno delle loro storie, fino ad arrivare alle tecniche per individuare un inizio e un finale efficace.  Ogni ragazzo scriverà una storia insieme a un genitore, con la possibilità di ritrovarle poi pubblicate in un’unica grande antologia.

Ti potrebbe interessare

Il cinema e la costruzione delle narrazioni al lab “Our Favorite Stories”

di

La partecipazione, il gioco, la scoperta, la narrazione al centro dei due appuntamenti con “Our Favorite Stories”, il lab di scrittura creativa...

La Pino Daniele Trust Onlus a Sedici Modi di Dire Ciao: “Il compositore è chi mette insieme le emozioni come i lego”

di

Entusiasmo in Basilicata per il progetto ideato da Giffoni, selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del “Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile”...

Sedici Modi di Dire Ciao unisce l’Italia: cinque regioni e duemila ragazzi coinvolti durante il 2021

di

Gubitosi: “Diamo visibilità ai nostri giovani, solo cosi saranno protagonisti del loro futuro” “Giffoni, ancora una volta, fa squadra per dimostrare che...