Al via l’atelier a distanza “Isole creative” per sperimentare con creatività il proprio vissuto quotidiano

di

Oggi sono partiti altri due atelier a distanza promossi da Progetto Città Coop. Soc., nell’ambito del progetto, dal titolo “Isole Creative”.

Gli atelier sono condotti dall’esperto Francesco Mangini e sono rivolti a 40 bambini delle classi quinte frequentanti la Scuola primaria “Balilla”, coinvolti nel Progetto Continuità e che il prossimo anno frequenteranno la scuola secondaria di primo grado Imbriani.

Il laboratorio prevede per ogni gruppo, fino al 6 giugno, un’articolazione in tre incontri che si svolgeranno in orario scolastico e saranno finalizzati a stimolare, nei bambini e nelle bambine, la scoperta di punti di vista differenti dei luoghi e degli oggetti di cui sono circondati nel loro ambiente domestico.
Guardare le loro case come “isole” in cui sperimentare e sviluppare la propria creatività elaborando narrazioni grafico-artistiche a partire dalla raccolta di immagini attraverso i loro smartphone e l’utilizzo di materiali facilmente reperibili (fogli di carta penne o pennarelli, oggetti di uso comune).
Ogni incontro prevede da parte del conduttore la presentazione di esempi artistici tratti dai lavori di illustratori per l’infanzia italiani e internazionali, la proposizione di un’esperienza creativa da realizzare in presa diretta con tutto il gruppo e, infine, il lancio di una traccia di lavoro stimolo che preveda la produzione di feedback da parte dei bambini.
Nell’ultimo incontro si proverà a collegare tra loro le “isole creative” dei bambini per disegnare un arcipelago in cui connettere e scambiare le esperienze e le scoperte realizzate.
L’atelier è realizzato per il progetto Le Case Speciali dei Ragazzi e delle Ragazze selezionato da Con i Bambini nell’ambito del fondo per il contrasto della povertà educativa minorile.

 

Regioni

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK