Percorsi con i bambini

Scheda Progetto

Titolo: Da casa al Nido e ritorno

Il progetto consiste nell’attivare tre equipe multidisciplinari composte ognuna da una educatrice, un assistente sociale e uno psicologo, che operando come “nuclei domiciliari” all’interno degli asili nidi comunali di Campobasso, Isernia e Termoli, possano intercettare ed avvicinare le mamme con bambini da 3 a 36 mesi in difficoltà economica e marginalità sociale residenti in città, che per motivi diversi non si rivolgono ai servizi educativi alla prima infanzia (in primis il Nido). L’equipe, in collaborazione con i Servizi sociali de tre comuni e i Consultori familiari cittadini della ASL, contatterà le famiglie per proporre un avvicinamento ai servizi educativi per la prima infanzia secondo le esigenze della famiglia e della mamma in particolare, proponendo una soluzione domiciliare o un inserimento c.d. “protetto” nel Nido comunale. La famiglia sarà presa in carico globalmente e riceverà sostegno materiale e psicologico volto all’empowerment della mamma.

Durata (mesi): 24

Genesi del progetto e del partenariato

Il progetto è nato dall’analisi della tendenza all’abbandono dei servizi per la prima infanzia, soprattutto gli asili nido, da parte delle famiglie con reddito basso e/o assente. Infatti, con l’introduzione di quote delle rette di accesso ai servizi per così dire “fisse”, ovvero non varianti in base al reddito familiare (ISEE), molte famiglie povere, prima tutelate dalle norme sui servizi sociali attraverso la partecipazione ai servizi per la prima infanzia a titolo gratuito, hanno rinunciato ad iscrivere i propri bambini al nido (o ai servizi simili), determinando, così, un aumento delle probabilità di disagio sociale e di insorgenza di patologie infantili di tipo psicologico e, a volte, persino sanitario.
Anche l’introduzione del nuovo ISEE ha accentuato questo processo e molte famiglie, con il mutare dei parametri di calcolo della ricchezza e del reddito familiare, si sono trovati, seppur di fatto in condizioni di povertà, a dover pagare la retta di partecipazione dei bambini ai servizi alla prima infanzia.
Questa serie di constatazioni ha spinto il soggetto responsabile, la Cooperativa Nuovassistenza, che da anni è impegnata nella gestione di servizi alla prima infanzia nella regione Molise, ad immaginare strumenti idonei per contrastare questo fenomeno di “ritirata” dai servizi pubblici, da parte delle famiglie che maggiormente ne avrebbero bisogno, ovvero quelle povere e a rischio di esclusione sociale.
Ne è scaturita un’idea che ha visto coinvolta, come principale partner, la Cooperativa Sociale Sirio, importante cooperativa molisana impegnata da anni nella gestione ed erogazione di servizi sociali in Molise.
Ancora, la scelta di concentrare le risorse progettuali nelle tre città più importanti del Molise (Campobasso, Isernia e Termoli) è stata quasi naturale. Si tratta delle uniche che vedono la presenza di un Asilo nido di tipo classico, delle dimensioni sufficienti ad accogliere anche le famiglie che verranno coinvolte dal progetto. Inoltre, questi asili hanno uno staff sufficientemente articolato da poter consentire una collaborazione multidisciplinare con le figure professionali che verranno coinvolte a valere sul progetto. Le tre città sono dotate di strutturati servizi sociali e sono i comuni capofila dei tre maggiori Ambiti Territoriali Sociali del Molise, che da soli rappresentano circa il 75% del territorio, dei comuni e della popolazione molisana.
Il progetto prevede il coinvolgimento dei Consultori familiari dell’Azienda Sanitaria regionale del Molise (ASReM) che sono presenti nelle tre città scelte, che è essenziale per il potenziamento del network di servizi coinvolti nella protezione e promozione delle famiglie a rischio esclusione.
La scelta di coinvolgere la Regione Molise, attraverso il proprio Nucleo di Valutazione degli Investimenti Pubblici (NVIP), è stata dettata dal fatto che negli ultimi anni la stessa ha finanziato un importante piano di rafforzamento e consolidamento dei servizi alla prima infanzia.

Da Casa al Nido e ritorno...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK