Da una foglia ad un albero: scoprire le competenze di cittadinanza insieme a Plan Your Future

di

Quanto è bello stare insieme ad altre persone, condividere spazi e tempi, parlare e scoprire di non essere soli. Ma è ancora più bello comunicare in modo efficace e collaborare per risolvere problemi in modo costruttivo.

Per fare tutto questo il percorso di crescita è lungo, anzi continuo. Per essere efficace, deve essere focalizzato sulle cosiddette competenze sociali e civiche in materia di cittadinanza.

Le competenze sociali e civiche sono importantissime per agire come cittadini responsabili e partecipare pienamente alla vita comunitaria, per creare coesione, unità e volontà di vivere insieme al gruppo.

 

Cosa sono le competenze di cittadinanza?

Includono competenze personali, interpersonali e interculturali e riguardano tutte le forme di comportamento che consentono alle persone di partecipare in modo efficace e costruttivo alla vita sociale e lavorativa e anche di risolvere i conflitti dove sia necessario.

Le competenze civiche dotano le persone degli strumenti per partecipare appieno alla vita civile. Questo grazie alla conoscenza dei concetti e delle strutture sociopolitiche. Viene richiesto l’impegno ad una partecipazione attiva e democratica al contesto sociale di appartenenza.

Ma da dove derivano le competenze civiche in materia di cittadinanza?

Il Quadro di Riferimento europeo: le basi per una vita di comunità

Per poter essere cittadini europei completi, integrati e attivi, l’Unione Europea ha realizzato un quadro di riferimento che individua 8 competenze chiave europee (dette anche Competenze chiave di cittadinanza) che rappresentano un punto di riferimento per i percorsi formativi soprattutto per quanto riguarda la scuola, l’orientamento al lavoro e il benessere sociale.

Andando nello specifico, il Quadro di Riferimento Europeo afferma che queste competenze richiedono la conoscenza e la comprensione di contenuti importanti quali ad esempio i valori comuni dell’Europa, la diversità e le identità culturali, le dimensioni multiculturali delle società europee e così via.

In una società in continuo e repentino cambiamento, serve però anche la capacità di pensiero critico e l’abilità di risoluzione dei problemi, nonché la capacità di sviluppare argomenti e di partecipare in modo costruttivo alle attività della comunità. 

 

 

 

Requisito indispensabile è quindi la capacità di impegnarsi efficacemente con gli altri per conseguire un interesse comune o pubblico, come ad esempio lo sviluppo sostenibile della società.

Ma come si diventa cittadini attivi nella vita comunitaria? Il cammino si prospetta lungo e complesso, ma ognuno di noi può pian piano procedere in questa direzione lavorando sulle proprie competenze trasversali e sull’impegno all’interno del proprio contesto di vita.

L’albero  e il mirino delle competenze di cittadinanza

In questa direzione, Plan Your Future ha voluto digitalizzare e rendere accessibili a tutti due strumenti (Schede Didattiche) che all’interno delle Cooperative Scolastiche del Progetto Bell’Impresa vengono utilizzati per il lavoro di monitoraggio, autovalutazione e di implementazione delle competenze di cittadinanza.

La prima Scheda didattica, dedicata alle bambine e ai bambini della scuola primaria,  è nominata “L’albero delle competenze”. 

 

 

Riflettendo su alcune esperienze vissute a casa, a scuola, durante l’attività sportiva, all’interno della cooperativa scolastica e in altre occasioni, si chiede ai bambini di identificare alcuni momenti di cambiamento, momenti in cui il singolo è riuscito a lavorare sulle proprie competenze di cittadinanza in modo efficace ed è riuscito ad implementarle in vista del suo percorso di cittadino attivo e consapevole.

Ogni ramo dell’albero stimola la riflessione rispetto ad una competenza specifica e viene riempito di foglie ricche delle esperienze di cittadinanza vissute.

Ecco che, in questo modo, l’albero pian piano diventerà rigoglioso e i bambini ricchi di competenze per poter crescere responsabili e attivi all’interno della propria comunità insieme agli altri.

 

 

La  seconda Scheda didattica realizzata è invece dedicata alle ragazze e ai ragazzi della scuola secondaria ed è strutturata partendo da una griglia di valutazione articolata che spinge i ragazzi ad autovalutarsi attraverso l’immagine di un mirino/radar in cui poter ”centrare” pian piano le proprie competenze.

Viene richiesta ai ragazzi una riflessione rispetto alle proprie competenze di cittadinanza. Si richiede anche di pensare a degli episodi in cui ci si è sentiti di aver messo in pratica queste competenza in modo responsabile e maturo. 

Inoltre, si propone la compilazione di una tabella in cui ipotizzare alcune modalità utili per allenare le competenze di cittadinanza su cui ci si sente più carenti.

Queste schede hanno quindi l’obiettivo di diventare strumento per stimolare una riflessione sulle competenze di cittadinanza a partire dall’esperienza e creare consapevolezza. Inoltre, stimolano ad un lavoro di crescita continua rispetto ad aspetti trasversali dell’apprendimento. Questi ultimi fondamentali in vista di una sperimentazione della propria cittadinanza attiva lungo tutto l’arco della vita!!

 

 

Essere cittadini attivi è proprio una Bell’Impresa!!

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

Essere cittadino attivo, una questione di età?

di

Coltivare il co-protagonismo sociale e la partecipazione dei bambini e adolescenti è una grande sfida. Il primo passo per avviare questo processo...

Nuova officina delle competenze a Pescantina

di

Il laboratorio di Officina delle Competenze, all’interno del progetto Bell’Impresa! è iniziato per l’anno scolastico 22/23 anche presso la Scuola Secondaria di...

La creazione di una cooperativa scolastica

di

Cosa significa far nascere una cooperativa scolastica? Costituire una cooperativa scolastica è un modo efficace per promuovere cultura cooperativa e far acquisire...