Percorsi con i bambini

La Barchetta rossa e la zebra: giornata di Formazione per i Partner del progetto al carcere di Opera e Bollate

di

Intensa giornata di formazione per i partner del progetto La Barchetta rossa e la zebra che, lo scorso 5 settembre, hanno visitato alcuni spazi del carcere di Opera, in un’ottica di confronto e scambio di know-how sul delicato tema della genitorialità in carcere.

Il gruppo di lavoro è stato accolto da Silvio De Gregorio, direttore della struttura penitenziaria e da Maria Visentini, ispettore e responsabile dei colloqui e dei progetti educativi, i quali hanno illustrato iniziative, modalità e procedure relative all’incontro e alla relazione tra figli e genitori detenuti.

Il primo momento della visita, si è svolto presso lo Spazio Giallo del carcere: un luogo a misura di bambino in cui i più piccoli si preparano all’incontro con il genitore detenuto, attraverso la supervisione di psicologhe e pedagogiste.

Le attività dello Spazio Giallo sono coordinate dalle operatrici dell’Associazione BambiniSenzaSbarreOnlus, che hanno spiegato ai partner di progetto tutte le finalità e le strategie di questo luogo fondamentale per il supporto della relazione familiare. Le operatrici hanno inoltre sottolineato come, Spazio Giallo, rappresenti anche uno strumento per costruire, nel tempo, percorsi di sostegno e accompagnamento alla difficile esperienza del carcere con i genitori detenuti. La visita nel carcere di Opera è terminata con un passaggio nelle sale colloqui, aule didattiche e spazi verdi della struttura penitenziaria.

Il secondo ed ultimo step della giornata formativa è proseguito con la visita e il pranzo al ristorante “InGalera”; primo ed unico locale in Italia realizzato in un carcere, quello di Bollate, aperto al pubblico sia a pranzo che a cena. Quì i detenuti, coordinati da uno chef e un maître professionisti, imparano la lavorazione dei cibisorprendendo i clienti con ricette esclusive.

Silvia Polleri, ideatrice di questa straordinaria iniziativa, ha raccontato ai partner della Barchetta rossa e la zebracome e perché nasce questo ambizioso progetto.  L’obiettivo è quello di offrire ai detenuti del carcere di Bollate, regolarmente assunti, la possibilità di riappropriarsi o apprendere la cultura del lavoro, attraverso un percorso di formazione professionale mettendoli in rapporto con il mercato, il mondo del lavoro e la società civile. Il tutto nel tentativo di eliminare lo stigma che la società imprime a chi ha trascorso un periodo della propria vita in carcere.

Una giornata formativa ricca di spunti di riflessione per tutti i partner del progetto La Barchetta rossa e la zebra.

 

La Barchetta rossa e la zebra è:

  • Finanziato dal Bando Prima Infanzia (0-6 anni)
  • Approvato dall’Impresa Sociale Con i Bambini
  • Capofila Il Cerchio delle Relazioni
  • Corporate Partner Gruppo EcoEridania

I Partner:

  • Project Management a cura della Fondazione Francesca Rava–NPH Italia Onlus
  • Amministrazione penitenziaria locale e dell’esecuzione penale esterna di Genova
  • Comune di Genova

Associazioni territoriali del Terzo Settore:

  • Cooperativa Sociale Il Biscione
  • Veneranda Compagnia di Misericordia
  • Centro Medico psicologico pedagogico LiberaMente
  • ARCI Genova
  • CEIS Genova
  • Si avvale del supporto dell’Associazione BambiniSenzaSbarre Onlus, impegnata nella tutela dei diritti dei figli dei detenuti.

 

 

 

 

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK