Ripartiti in presenza a Perugia (Umbria) il Caffè letterario e i laboratori di Urban Art e Percussioni

di

A Perugia (Umbria) a partire dal 14 luglio 2020 hanno potuto rivedersi e riprendere il percorso di ART. Labs in presenza i ragazzi e ragazze che partecipano al Caffè Letterario, uno spazio di avvicinamento alla lettura tenuto da Aldo Manuali, pedagogista, giudice onorario presso Tribunale dei minori di Perugia, lettore volontario e formatore nazionale Nati per Leggere.

“È emozionante partire dalle letture che interessano i ragazzi, parlare con loro per poi guidarli alla scoperta di poesie e di altri testi – racconta Aldo ManualiLa lettura, soprattutto dei classici, è percepita dai ragazzi come noiosa, inutile. È sorprendente vedere come l’intonazione, la voce ed il ritmo che si dà alla lettura, possano renderla un’attività affascinante. I ragazzi vanno velocemente, si appassionano a ciò che li diverte da subito, la lettura richiede invece un tempo lungo, concentrazione, un impegno a cui non sono abituati. Siamo partiti sulla scia di Nati per Leggere cercando di appassionare futuri lettori, non solo per sè stessi, ma che potessero diventare lettori anche per gli altri. Ci sono evidenze scientifiche per cui leggere ai bambini, nella prima infanzia, stimola lo sviluppo cognitivo, dal punto di vista dell’attenzione, della comprensione, linguistico, oltre che dal punto di vista relazionale. L’adolescenza è a tutti gli effetti una rinascita. Il corpo cambia, cambiano i rapporti che i ragazzi vivono, ci si apre a nuove esperienze emotive e fisiche. Leggere in preadolescenza e nell’adolescenza è imparare a confrontarsi con la società, comprendere che le proprie problematiche non sono solo nostre, ma fanno parte di un sistema umano. È emozionante osservare ragazzi, spesso introversi, che partendo da uno spunto di lettura, iniziano a raccontarsi nelle loro vicende famigliari, sociali ed emotive”.

Sempre a Perugia sono  ripresi in presenza anche il laboratorio di percussioni tenuto da due artisti di fama internazionale: Roberto Gatti e Leonardo Ramadori, uno dei fondatori del gruppo Tetraktis; ed il laboratorio di Urban Art, un percorso di PopArt Urbana in cui i ragazzi realizzeranno delle opere sui muri degli Young Space Labs e/o di altri spazi messi a disposizione dai partner, tenuto da Sascia Todini e Lorenzo Marroni giovanissimo artista di Citta di Castello.

Per maggiori informazioni:

Tel. 075 5997340

https://www.azione.com/

 

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

Art.Labs per la socialità dei ragazzi anche durante la pandemia

di

La scuola rappresenta da sempre una fonte d’insegnamento delle materie di studio, ma ha anche nella sua essenza la socialità, intesa come...

Lettura e musica. In Umbria si contrastano povertà educativa e dispersione scolastica facendo nascere passioni nei ragazzi

di

  Dall’Umbria parte il progetto Art.Labs, selezionato e finanziato dalla Fondazione Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà...

I Laboratori di Urban Art del progetto Art.Labs

di

I Laboratori di Urban Art (gratuiti) del Progetto Art.Labs, sono laboratori di PopArt Urbana in cui i ragazzi realizzano delle opere sui...