Si resta in casa…ma Ali per il Futuro non si ferma!

di

Trovare stimoli positivi, reinventarsi e fare cose nuove, riscoprire gli spazi domestici e comporre nuovi ritmi familiari. Il momento che stiamo vivendo è sicuramente strano e inaspettato, ma non per questo da vivere solamente nei suoi aspetti più scoraggianti. Altrimenti come faremo a spiccare il volo?

Le attività del progetto Ali per il Futuro non si fermano, anzi: anche se non sono possibili incontri e lavori di gruppo, nessuno è lasciato solo. Ci si telefona, si cucina insieme, si pensano attività per bambini e genitori, si propongono laboratori virtuali per non smettere di crescere ed imparare, anche se Nidi e scuole dell’Infanzia sono chiusi, per non smettere di guardare al futuro anche in momenti così negativi.

Le équipe territoriali sono al lavoro e non smettono di sperimentare: ogni giorno le famiglie ricevono per messaggio video o idee di attività da fare in casa con i loro bambini e bambine e sono poi invitate a raccontare la loro giornata con altri video o foto, da condividere tutti insieme.

Ecco alcune delle pillole giornaliere proposte:
– Video per raccontare il Coronavirus ai più piccoli
– Ansia e paura, come gestire i propri sentimenti in questo momento?
– Fuori dalla finestra c’è un mondo: immaginare e raccontare cosa succede fuori dalla propria casa
– Chi è più bravo a cucinare? Sfida culinaria tra beneficiari e operatori in videochiamata
– Come continuare a mandarsi abbracci? Rimanere in contatto attraverso un video, una foto, un disegno
– Le costruzioni fa-da-te: quando i Lego diventano di cartone

Stiamo sperimentando un nuovo modo di “stare insieme a distanza”, in attesa di poter riprendere le attività in presenza, cercando di trasmettere alle famiglie strumenti utili per affrontare questo lungo periodo in casa e mantenendo alimentato il filo che ci unisce.

Regioni

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK