Alla Federico II di Napoli una giornata tra riflessioni e strategie

di

Venerdì 21 gennaio 2022 (ore 9:30-17:30) presso l’Aula Piovani dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, in via Porta di Massa 1, si terrà il convegno “Affido Culturale: Riflessioni e strategie operative per bambini e famiglie”.

Un incontro per mettere a fuoco i risultati e gli sviluppi di un progetto sociale innovativo, promuovendo un confronto scientifico multidisciplinare sugli assunti teorici della buona prassi di Affido Culturale, progetto nazionale selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per contrasto alla povertà educativa minorile, già attivo in diverse città italiane e richiesto in altre aree del Belpaese.

Un modello di innovazione sociale per combattere la povertà educativa

Tutto nasce da un modello di innovazione sociale, ideato per combattere la povertà educativa e promuovere un cambiamento concreto nella società. Si chiama “Affido Culturale”, progetto che vanta come capofila il Pio Monte della Misericordia e una rete di oltre venticinque diverse realtà italiane. Ognuna impegnata da svariati anni nel terzo settore.

All’Università Federico II di Napoli, una giornata tra riflessioni e strategie

Il Dipartimento di Studi Umanistici della Federico II, già partner del progetto incaricato del Monitoraggio e della Valutazione in itinere, dedica “Affido Culturale: Riflessioni e strategie operative per bambini e famiglie. Una giornata di studio e di confronto intorno ai temi della mediazione della cultura per l’infanzia e l’adolescenza, prendendo spunto dai risultati e dalle prospettive che AC sta costruendo.

La sessione mattutina

Dopo i saluti istituzionali di Andrea Mazzucchi – Direttore Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Napoli Federico II, Maria Filippone Vicesindaco di Napoli e Fabrizia Paternò Cinalli Soprintendente Pio Monte della Misericordia, e l’intervento di apertura di Marco Rossi Doria, presidente dell’impresa sociale Con i Bambini, il convegno entrerà nel vivo con gli interventi di esperti accademici provenienti da differenti domini.

I relatori

Parteciperanno infatti Marco Musella, docente di Economia politica. Maria Clelia Zurlo, docente di Psicodinamica dello Sviluppo e delle Relazioni familiari. Paola D’Alconzo, docente di Museologia e Restauro. Francesco Cotticelli, docente di Discipline dello Spettacolo. Anna Masecchia, docente di Cinema, Fotografia e Televisione. L’obiettivo è tracciare i contorni teorici che aiuteranno l’Affido Culturale ad affinare gli strumenti metodologici e a potenziare l’impatto sociale già promettente e innovativo.

La sessione pomeridiana

La sessione pomeridiana è incentrata sul ruolo e sulle testimonianze delle quattro città in cui il progetto è attivo. I referenti di Napoli, Roma, Modena e Bari, nonché della “nuova arrivata” Milano, racconteranno del loro lavoro con le famiglie. Inoltr si confronteranno sui risultati e sulle criticità riscontrate, nonostante le limitazioni imposte dal Covid sin dalla partenza del progetto avvenuta in aprile 2020. Al termine di entrambe le sessioni, è prevista la possibilità di dialogo con il pubblico.

Ti potrebbe interessare

La fine del percorso di Affido Culturale Napoli, le parole di ringraziamento delle famiglie

di

Venerdì 29 settembre si è conclusa dopo 3 anni l’esperienza di Affido Culturale Napoli per le famiglie affidatarie e quelle affidate, con...

Affido Culturale comincia da Ferropoli. E’ qui che nasce la nostra App AC

di

C’era una volta una fabbrica, da queste parti. Produceva acciaio. Ma produceva anche cittadinanza, diritti, emancipazione, cultura. Era La Fabbrica. Una realtà...

A Modena le prime famiglie firmano il patto educativo di Affido Culturale

di

Sono più di 70 le famiglie di Modena che si sono iscritte all’iniziativa e che stanno partecipando al percorso di formazione preliminare....